Botti di capodanno: come tutelare il proprio animale domestico

I botti di Capodanno ed i nostri amici pelosi

Il passaggio dal vecchio anno al nuovo è sempre un trauma per i nostri amici pelosi, che provano paura e sgomento per il rumore prodotto dai botti.
Il tuo compagno a quattro zampe riesce a percepire quelli che comunemente vengono detti ‘ultrasioni’, difficilmente individuabili dall’orecchio umano.
Il suo udito, infatti, è particolarmente sviluppato e mentre noi esseri umani percepiamo i 20 kHz, il peloso ode fino a 40kHz, vale a dire, il doppio della soglia di udibilità di una persona.
Fin dall’antichità si è compreso che l’attenzione di cani e gatti si attiva anche con una minima stimolazione per via del loro eccezionale udito ed anche un piccolissimo fruscio, per noi impercettibile, può essere motivo di allerta per questi animali domestici.
E’ facilmente immaginabile, quindi, cosa provino i tuoi piccoli amici in quei 20/25 minuti che seguono la mezzanotte della notte di San Silvestro!
Molti di essi preferiscono rincantucciarsi sotto il letto o in angoli nascosti dell’abitazione mentre altri, se hanno accesso all’esterno, tendono a scappare per strada, con conseguente pericolo per la loro incolumità e per le persone che transitano in auto.
Non è raro che alcune di queste bestiole abbiano dei veri e propri attacchi di panico che si presentano con convulsioni, tremori diffusi, perdita di urine e feci e salivazione profusa, fino a concludersi con svenimenti.

Cosa fare per aiutare il tuo amico peloso

Il consiglio principale è, ovviamente, quello di evitare di adoperare botti rumorosi per non spaventare gli animali domestici, cercando di utilizzare solo bengala, stelline e fuochi legali, per festeggiare l’anno che sta per entrare.
Purtroppo, nonostante ti sforzerai di non spaventare il tuo amico, sappi che non tutti hanno sensibilità ed accortezza e i botti di capodanno si avvertiranno nel raggio di chilometri.
Per la sicurezza dei tuoi ‘piccoli pets’, bisogna stabilire alcune regole per evitare che possano farsi del male fuggendo o accusare malori.
Innanzitutto, se abiti a piano terra e c’è accesso ad un cortile o addirittura alla strada, cerca di tener chiuse le uscite e di ricoverare il tuo cane o il tuo gatto in una stanza chiusa per evitare il pericolo di fughe.
Se il tuo animaletto è abituato a vivere all’esterno dell’abitazione, almeno per la notte di fine d’anno, cerca di tenerlo all’interno, lasciandogli libero accesso a stanze piccole o sgabuzzini perché cani e gatti, quando hanno paura dei botti di capodanno, tendono a rincantucciarsi in posti stretti ed angusti che usano come tana e dove si sentono rassicurati.
E’ preferibile non cercare di ‘stanarli’ perché potrebbe essere controproducente e se hanno scelto un determinato posto per nascondersi, è perché lo considerano sicuro e rincuorante.
Se la tua intenzione è quella di portar loro conforto prendendoli in braccio per proteggerli, desisti pure perché potresti ottenere la reazione contraria e procurare un attacco di panico.
L’unica cosa giusta da fare è quella di aspettare nei pressi del loro nascondiglio, cercando di parlare per rassicurarli e offrendo ad essi delle piccole leccornie come biscottini o pezzetti di wurstel.
La paura è una sensazione che non si può controllare ed anche se i ‘premietti’ risolveranno ben poco, aiuteranno sicuramente a superare quei momenti di enorme spavento.

Non esagerare con le coccole

Con l’arrivo del rumore dei petardi, ti verrà spontaneo abbracciare il tuo amico peloso ma è preferibile lasciarlo andare a rifugiarsi dove desidera, poiché trattenerlo potrebbe essere motivo di panico.
Rimanda a dopo le coccole e preoccupati solo di chiudere le finestre dei balconi, perché non è raro che gli animali si lancino nel vuoto nel tentativo di fuggire.
Ricorda che con la chiusura di finestre e altre vie d’accesso, l’ambiente diventerà leggermente più ovattato e gli animali avvertiranno di meno i rumori.
Solo dopo la fine dei botti potrai rassicurare il tuo amico, ma non in modo diverso dal solito.
Dovrai comportarti come fai abitualmente altrimenti, con un atteggiamento differente, non farai altro che rafforzare i suoi timori.
Mantieni un tono di apparente noncuranza e vedrai che la bestiola ritroverà la sua sicurezza in brevissimo tempo.

Un aiuto importante con la fitoterapia

In previsione dei botti di capodanno, potrai chiedere aiuto al tuo veterinario di fiducia che potrà consigliarti un calmante per il quadrupede.
Alcuni medicinali, però, sono da bandire perché possono avere pesanti effetti collaterali.
Un buon professionista potrà trovare la soluzione ideale per il tuo amico di vita con la coda, optando per prodotti naturali che hanno ottimi effetti rilassanti sugli animali di casa e prevengono i sintomi cardiaci e neurologici causati dallo stress da paura.
Se il tuo amico peloso è particolarmente ansioso, il veterinario potrà prescrivergli un prodotto naturale con un blando effetto sedativo come il tiglio che viene considerato il Re dei tranquillanti.
Le erbe, sotto forma di miscele in gocce, potranno essere somministrate almeno un paio d’ore prima l’evento stressante e la terapia può essere ripetuta al bisogno dopo circa 8 ore.
Una volta terminati i botti di capodanno, potrai portare il tuo amico peloso a fare una bella passeggiata all’aria fresca per farlo ritornare equilibratamente alla normalità.

Leave A Reply

Navigate